Depressione ed eventi scatenanti

Quando si affronta una perdita si percepisce una frattura nella propria esistenza.

La tristezza e il raccoglimento, la perdita di interesse per l’esterno rappresentano gli strumenti per elaborare tale evento e attivare le risorse per intessere una nuova coerenza biografica.

Come un albero che si ritira durante l’inverno per poi rifiorire in primavera con nuova energia vitale. E a volte l’inverno sembra non voler cedere il posto alla primavera

Questi sentimenti permangono e diventano pervasivi al punto da ostacolare il normale riprendere della vita quotidiana.

Queste condizioni di intima sofferenza, naturali componenti dell’esperienza di vita, possono, infatti, assumere toni tali da compromettere il benessere e la qualità dell’esistenza.

Si possono innescare una serie dei meccanismi mentali che alterano anche in maniera consistente il modo in cui una persona ragiona, pensa e raffigura se stessa, gli altri e il mondo esterno.

E possono insorgere sintomi cognitivi, comportamentali, somatici ed affettivi che, nel loro insieme, sono in grado di compromettere il funzionamento di una persona. Nonché le sua abilità ad adattarsi alla vita sociale.

Si può instaurare un vero e proprio disturbo con la diagnosi di depressione.

Si tratta di un disturbo molto diffuso tra la popolazione. Sembra, infatti, che ne soffra dal 10% al 15% della popolazione, con una frequenza maggiore tra le donne.

Tra gli eventi scatenanti possiamo trovare anche il divorzio e la separazione, cambiamenti nelle condizioni lavorative, la malattia di una persona cara, gravi conflitti familiari, cambiamenti nel giro di amicizie, cambiamenti di città.

Dott.ssa Valeria Guerra


Depressione ed eventi scatenanti

Per parlarne con la Dott.ssa Guerra Compila il Form e Clicca Invio:

    Cliccando "Invia" Autorizza il Trattamento dei Dati secondo la Privacy Policy del Website già visionata.


    Facebook Page

    Articoli raccomandati

    Facebook
    Instagram